Giovedì andati a Male [POESIA]

Un po’ ci giocavo
con quei vecchi sbronzi appesi ai muri di poliestere
le sere dei giorni feriali
e quasi vi facevo paura.

Ché le vere paure
le soffocavo nei giovedì andati a male
schivando i santi scomodi
e i loro giochi di parole.

Ma che ne sapete
dell’oscurità che scendeva colpevole
sui nostri volti opachi di vergogna
lenta tanto da maledire la sete?

Bevete[vi] quella sorta di abitudine
assieme agli antieroi di una guerra d’acciaio
– le sere dei giorni feriali –
che poi dell’inquietudine me ne occupo io.

Alice Fritsch

Bisestile del 1992.
E' scrittrice, bevitrice d'emozioni e casalinga disperata.
Ha pubblicato con Edizioni La Gru la raccolta LA BIONDA HA SETE (flussi anacronistici e controrivoluzioni) e la poesia “Sedativo Vocale” all'interno della raccolta anarco-punk GUADAGNARE SOLDI DAL CAOS.
Alice fa parte del progetto Sixx, una band letteraria.
Scrive solo con penne nere e su fogli sparsi.

Posts di Alice Fritsch (see all)