La Fine del Comment Marketing

Tutto iniziò per fare link building.

Infatti secondo la SEO, cioè quell’insieme di studi empirici sul funzionamento dei motori di ricerca (in particolare Google), fare link building serviva a far avere un migliore posizionamento del sito sui motori di ricerca.

Come fare link building?

Semplicemente inserendo un link che rimanda al nostro sito su un altro sito.

Lasciare un link in un commento di un blog era una delle cose più facili da fare, così nacque il comment marketing.

migliorare-commenti-wordpress-2

Una volta i SEO potevano passare anche intere giornate a lasciare commenti sui blog.
Ma la SEO cambia, perché cambiano gli algoritmi alla base dei motori di ricerca.

Se prima bastava lasciare qualche commento su un blog per fare link building, adesso no, perché quel che conta è la qualità.

rankingfactors-2014

Secondo searchmetrics, una delle società leader in ambito SEO, tra i fattori che influenzano il posizionamento sui motori di ricerca c’è la qualità.

Qualità intesa come originalità e novità.

I contenuti di un sito devono essere originali, costantemente aggiornati e contenere una serie di termini specifici che riguardino l’argomento che intendiamo trattare.
Anche i link che rimandano al nostro sito devono essere inseriti su siti che rispettano questa qualità in un contesto di qualità: un commento non è considerato un contenuto di qualità e per questo il motore di ricerca tende a penalizzare il link allegato.

Altri elementi che influenzano la SEO sono i social signals.

Le condivisioni, i +1 di GooglePlus, i Mi piace di Facebook, i Tweet su Twitter e i commenti sui social network sarebbero elementi che premiano un sito nel posizionamento.

L’era del comment marketing è finita. I blog ormai permettono di commentare solo attraverso Facebook o GooglePlus. Lasciare commenti non serve più a fare link building, ma ad esplorare un altro ramo del marketing: il branding.

Lasciare un commento di qualità, originale e che spinga al dialogo, può essere un ottimo modo per aumentare la reputazione del brand e dimostrare che si è attenti agli argomenti che riguardano il nostro settore.

Enrico Maria Tomassi

E' nato lo stesso anno di Full Metal Jacket.
Si occupa di comunicazione e marketing.
Ha pubblicato due libri e una poesia in un'antologia di poeti anarco-punk.
Crede fermamente nell'open source.
Scrive solo con penne blu. Nel tempo libero gli piace passeggiare nel verde o su spiagge deserte e ascoltare buone storie.

E' il fondatore di Nemico Lettore.

Posts di Enrico Maria Tomassi (see all)